VINO E MUSICA

I buoni vini possono darci sentimenti speciali, proprio come la musica. Non è un caso che descrivendo il vino parliamo di “note di agrumi”, “accenti tannici”, “set armonici” quindi ecco qui in sequenza un crescendo di vini – beviamoli uno dopo l’altro seguendo le tracce di un immaginario disco in vinile, con un caloroso invito ai nostri lettori a provare l’esperienza a casa!

Iniziamo con il Prosecco di Valdobbiadene fresco e agrumato, un messaggio di giovinezza e freschezza, di tempi felici e di momenti spensierati, di aperitivi in buona compagnia: richiama le allegre voci dei Beatles e il loro indimenticabile Love me do – con un po ‘ di nostalgia!
Il vino bianco può anche generare sentimenti complessi, e se stiamo bevendo un bicchiere di Chardonnay, magari con un breve passaggio fermentativo in legno, allora è il momento di It’s for you di Pat Metheny, sofisticato chitarrista americano con uno stile country e jazz. Un’occasione per ascoltare la musica e lasciare comunque un po’ di spazio ai propri pensieri.

Ora, con un salto nel tempo, voliamo nella New York degli anni ’50, torniamo all’ottimismo e al progresso con John Coltrane e con la grande tradizione della musica nera che sposa la cultura industriale nordamericana. Le variazioni chiare e vivaci di My favorite things ci ricordano le sfumature aromatiche e gustose del Pinot Nero altoatesino.
Ora altri elementi si uniscono all’orchestra, corpo e struttura crescono, sia del suono che del vino. Una raffinatezza del legno più affilata e un vitigno di personalità robusta ed elegante, come il Sangiovese: questo è quello che troviamo in un Chianti Classico Riserva, al quale siamo felici di “accordare” la Sinfonia del Nuovo Mondo di Antonín Dvořák.
È arrivato il momento della dolcezza, un invito alla tranquillità e alla serenità per concludere la degustazione. Parte il Coro Muto della Madama Butterfly di Puccini – il suo amore per il tenente Pinkerton si sposa bene con la passione del Sauternes – l’infinita gamma di profumi e sapori che un vino così può darci crea un magnifico contrasto con la semplicità e la linearità di questa musica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>